venerdì 11 dicembre 2009

Questa sono io...

Oggi ho deciso di raccontarvi la mia storia per bene dall'inizio alla fine...vi avverto che è un bel pò triste...
04/02/1995, nasce una bimba, viene chiamata Letizia, prima di lei, due anni prima è già nato un maschietto,lui è da subito geloso della sorella
2anni e mezzo, il fratello spinge la bimba contro una roccia, sbatte la testa poco sopra l'occhio sinistro, fortunatamente nulla di grave, solo 3 punti...lui non viene sgridato, gli viene solo detto "non si fa", altri episodi di questo genere si verficano quando io avevo 3 e 4 anni, e mi vengono messi 4 e 5 punti sempre in testa, a 9 anni mi rompe un dito, fino ad ora mi ha distrutto dentro...
da 2anni e mezzo in poi i miei genitori perdono interesse per me, inizio a diventare "cicciottella", nessuno mi racconta storie,nessuno mi canta la ninna-nanna, lo faccio da sola..
5 anni, lite con mio padre, lui va via di casa, io piango e aspetto alla finestra che rientri, arriva mia madre, le vado in contro speranzosa di un abbraccio, lei mi guarda e mi dice" devi capirlo, noi non volevamo una figlia come te..." inizia a crollare il mio mondo di bimba sognatrice...
5 anni e mezzo, conosco il mio vicino di casa, lo conosco meglio, diventiamo più che amici, pomeriggi insieme, lui è diventato il mio mondo...
dai 6 agli 11 anni la situazione peggiora, io divento grassa, nessuno mi accetta tranne il mio unico amico, solo lui mi vuole davvero bene, tento la fuga da casa per ben 5 volte, tutte le volte mi hanno ripresa...cerco certificati di adozione, io non sono figlia loro, io non sono come loro, io non voglio e non posso appartenere a questa famiglia...non trovo nulla...scompare la dolce e timida bimba che arrossisce e sorride a tutti...arriva la bimba triste che sa solo piangere ed essere triste, mi chiudo dentro me stessa..
12 anni...una sera la persona più importante mi lascia, senza preavviso...il mio migliore amico se ne va, cause sconosciute, ha solo 12 anni, il mio mondo crolla e io rimango sotto le macerie...nessuno mi cerca, nessuno mi riporta in superficie, resto li sotto per un intero anno, continui insulti mi fanno cadere in una depressione se è possibile a 12-13 anni...
14 anni, vengo DI FORZA mandata in piscina contro la mia volontà...conosco la mia allenatrice, mi prende per mano e mi fa risalire, ma è dura sia per me che per lei...spesso la presa si allenta, la mano scivola e precipito giù, spesso sono io che mollo la presa e cado giù, ogni caduta è sempre più dolorosa...incontro mia, penso sia una soluzione, non mi accorgo dell'errore...e ora sono qui, ancora sul fondo, non riesco a rialzarmi, le ferite sono profonde, non si rimargineranno...nonostante tutte le persone che cerchino di tirarmi su io resto li, non mi muovo, anzi certe volte cado ancora più giù...salire in superficie è difficile...

Da qui la mia affermazione " sarebbe bello avere finalmente una madre " io biologicamente ho una madre, ma non mi considera, mi ritiene motivo di vergogna e mi disprezza, mi mena se mi vede piangere e per loro sono solo una persona con la quale sfogarsi anche fisicamente, quindi per quanto mi riguarda non ho famiglia...

31 commenti:

  1. Anche io ho una famiglia di merda e non posso far altro che capire come ti senti...io quel conforto che te trovi nella tua allenatrice lo avevo trovato nel mio ex cavallo, l'unico a cui io abbia veramente dato l'anima, poi un incidente e ha perso fiducia in me...mi sono ritornate in mente tante cose: la mia migliore amica morta a 15 anni per un tumore, mia madre che non mi ha mai ritenuta degna del suo affetto...ma mi sono detta che come una vita si distrugge si puo ricostruire...ora sto cercando di superare questo periodo di merda prima di comprare un cavallo e dopo realizzare i meii sogni e riempire il senso di vuoto che sento...
    Non sempre ciò che ci viene distrutto non possiamo ricostruirlo..

    RispondiElimina
  2. Ti ammiro perchè non hai perso la speranza, io purtroppo invece l ho presa e non la ritrovo più, posso farti una domanda quanti anni hai?

    RispondiElimina
  3. Io? 17
    Ascolta aggiungimi in msn se lo hai almeno parliamo li non mi piace parlare qui tutti leggono ^^

    giuggia1892@hotmail.it

    Aggiungimi piccina. ^^

    RispondiElimina
  4. Purtroppo non ho msn =( se non vuoi parlarmi qui puoi inviarmi una mail...l'indirizzo è gabysemionowa@yahoo.com

    RispondiElimina
  5. Hai ricevuto la mia mail?? =(
    Non so usare bene yahoo =(
    E con msn nn me la fa mandare cazzo!

    RispondiElimina
  6. Ohi cara
    Guarda che mi dice che l'account non è giusto.
    Mandamene una te all'indirizzo che ti ho dato prima mi fa anche da e-mail. ^^

    giuggia1892@hotmail.it

    RispondiElimina
  7. caraaa che dolce *_*
    mi spiace un sacco, si vede che non ti meriti affatto tutto questo dolore :(
    sei davvero coraggiosa..

    RispondiElimina
  8. Gia non se lo merita proprio povera piccina...

    RispondiElimina
  9. Ciao piccolina..mi ha fatto molto piacere che tu sia passata dal mio blog..sappi k io sn dispostissima ad aiutarti, anzi io sn già qui, e ti tendo la mano..
    se vuoi essere aiutata sono davvero pronta a farlo, ank xk tutte voi mi state a cuore tantissimo. E anche tu, anche se ti conosco adesso!La tua storia è molto triste è vero, e sicuramente il rapporto con i tuoi genitori, in primis con tua madre, ti ha causato molte delle cose che ha raccontato..
    devi avere la forza di scavarti dentro, cm hai fatto raccontandoti qui..non sarà facile, ma pianopiano puoi farlo. Solo guardando le cause delle ferite e cercando di rimettere insieme i pezzi, puoi ripartire.
    La forza manca spesso, lo so. Credimi capisco tutto..ma non sei da sola!
    ti lascio il mio contatto msn: stella_chiarina91@hotmail.it
    passa dal mio blog tutte le volte che vuoi, mi fa piacere!
    Ti abbracciO

    RispondiElimina
  10. ciao Piccolina.
    La tua soria mi ha tanto tanto commossa.
    Sei una persona molto dolce e sensibile, ed è stupendo che tu sia riuscita a diventarlo nonostante tutto.
    So bene come soffri. Perchè per me è lo stesso.
    Voglio solo che tu legga la mia storia (vai sul mio blog, è il mio ultimo intervento). Spero che leggendo tu riesca a capire che so cosa significa sentirsi non considerati dalla propria famiglia, e quasi invisibili.
    Ti voglio bene, Piccolina... E ricordati che io ci sono. Ti stringo forte forte.

    RispondiElimina
  11. Letizia!! che bel nome che hai!!

    tra fratelli ci sono sempre litigi... però il tuo era davvero uno STR**** eh?

    In questi casi le parole per un conforto mi mancano sempre...
    Vorrei poterti prendere la mano... e dirti che non sarai mai sola!
    Che io sono qui... SEMPRE! e se vuoi parlare io ci sarò SEMPRE! per qulsiasi cosa...
    Ma non chiuderti... non lasciarti andare!
    Cerca di trovare la forza di rialzarti, SEMPRE!!
    Lo so che è difficile, soprattutto quando vedi che attorno a te sembra non esserci nessuno!
    E ti senti uno schifo perchè credi di essere solo un peso...

    Ma NON è così!!


    Perchè,se nessuno te la mai detto, te lo dico io: TU SEI IMPORTANTE!!!
    Tu devi volerti bene... io te ne voglio già piccolina!

    ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  12. grazie amori miei, siete dolcissimi...vi adoro..
    moonlight ti mando subito l'email scusa se non l'ho fatto prima...
    siete una più dolce dell'altra, siete tutte disposte ad aiutarmi...ma non concedetevi troppo a me, potrei abusarne..=)
    Enigma, grazie, no, nessuno me lo aveva mai detto, grazie di tutto spero che non mi lascerete mai..=,)

    RispondiElimina
  13. Piccola siamo qui tutte per starti vicina
    Aspetto la tua mail con ansia
    Bacione piccola!

    RispondiElimina
  14. Piccola siamo qui tutte per starti vicina
    Aspetto la tua mail con ansia
    Bacione piccola!

    RispondiElimina
  15. Ciao piccolina.... Sono senza fiato....
    Hai raccontato la tua storia con una sensibilità e una consapevolezza disarmanti....Non meriti di farti tutto questo male, sei una persona forte, hai superato con grande coraggio queste difficoltà, ce la farai anche stavolta!
    Questa volta non sarai sola però... Mi unisco alle altre nell'offrirti il mio aiuto, uno di questi giorni posso scriverti un e-mail?
    Mi piacerebbe chiaccherare un pò con te!
    Ti abbraccio stretta piccola, non sei sola, ricordatelo

    RispondiElimina
  16. Certo che puoi!!! Non devi nemmeno chiederlo!! Sono sempre qui, almeno quando non sono in piscina..=)grazie, siete stupende...vi adoro

    RispondiElimina
  17. piccolina mia, che brutta storia, nn so che dirti, nn ho parole...sappi che se hai bisogno io ci sono, sempre <3

    RispondiElimina
  18. tesoro mi spiace un sacco.. povera piccola.. vedrai che trverai la forza.. e il passato riuscirai a dimenticarlo.. un bacio..

    RispondiElimina
  19. Ciao Leti, cerco che ti accolgo...io ho 37 anni, anche se dal mio cervellino potrebbe non sembrare,ma come eta' ci posso stare, non ho figli veri e l'idea di una figlia virtuale mi ha fatto diventare gli occhi lucidi...specie dopo aver letto la tua storia.
    Non so se con me faresti un ottimo affare, so solo che se avessi una bambina dolce come te me la coccolerei dal mattino alla sera fino a quando non sarebbe lei a mandarmi via perche' troppo appiccicosa.
    Ma tra tutte le cose orribili che hai scritto, una positiva mi ha fatto tirare un respiro di sollievo: la tua allenatrice che ti aiuta a risalire.
    Spero sia una figura ancora presente nella tua vita, perche' il virtuale puo' certamente essere d'aiuto, ma tu hai piu' bisogno di presenze concrete vicino a te, che suppliscano a cio' che ti manca.
    Per quel poco che ti posso servire, sono qui.
    Ti abbraccio fortissimo!
    Dony, mamma o sorella virtuale

    RispondiElimina
  20. Ehi ciao Letizia.. CHE BEL NOME HAI!!! davvero, ha ragione Enigma.
    Non nomen, sed homen, dicevano nel medioevo... in altre parole: nel nome c'è un destino. Se è vero (e io credo di si, ma io sono un po' toccata, come sanno quelle che mi conoscono..), troverai la GIOIA... niente male eh?
    senti, molte famiglie sono patologiche, Molte molte eh... e tuo fratello, alla fine fa tanta pena.. perché se sente tutto questo bisogno di farti male vuol dire che è rimasto travolto da un trauma ingestibile anche lui. Io spero che col tempo imparerete a solidarizzare, invece di farvi la guerra. Cmque, come dimostrano tutte le risposte cha hai trovato "qui".. il mondo è un posto strano.. molto più pieno di amore di quanto spesso ci rendiamo conto. Riparti da questo! abbi fiducia.
    Ti abbraccio.
    E ti invito (anche) da me.. obviously.
    Ciao, Mari.

    RispondiElimina
  21. Si fortunatamente la mia allenatrice è ancora parte integrante della mia vita, mi aiuta e mi sostiene sempre, ha quasi la tua età, lei ha 35 anni...Ha anche una figlia di 12, quindi diciamo che un pò di esperienza ce l'ha...ma io non la considero una madre, io la considero, boh..un amica, un punto di riferimento..qualcosa di speciale..
    Dal tuo cervellino non si capirà la tua età ma si capisce che sei ua persona stupenda e quindi ti faccio la mia proposta..=p
    Vuoi diventare la mia mamma virtuale prendendomi come figlia virtuale??
    Sono certa che sarai una mamma perfetta e io non ti scaccerei mai per le troppe coccole =)
    Scrivendo questo commento mi è scesa anche una lacrimuccia..=)

    In quanto a mary no, mio fratello non ha subito nessun tipo di trauma, nessuno, è solo che i miei "genitori" stravedono per lui e quindi li permettono di fare qualsiasi cosa, dopo aver avuto tutto gli mancavo solo io da controllare, ma a me naturalmente non sava bene, quindi dopo questo mio rifiuto ha iniziato a menarmi di continuo...
    Cmq si, questo mondo è veramente pieno di affetto, non l'avrei mai detto..=)

    RispondiElimina
  22. Ma certo che non ti abbandono^^
    sarò sempre qui...

    Oddio...come supporto sono un po' instabile forse!

    Ma farò il mio meglio;)

    Guarda...fosse per me io verrei anche lì alle tue gare! adesso vediamo un po' cosa ne viene fuori... e, soprattutto, devo anche capire i giorni in cui sarò libera!

    un bacio

    RispondiElimina
  23. Piccolina, dovresti chiedere aiuto.
    Con la tua allenatrice parli della tua famiglia? E con i tuoi professori? Io di lavoro faccio l'educatrice e quando mi trovo di fronte a bambini o ragazzi che vivono così male la situazione famigliare mi adopero perchè qualcosa possa cambiare. Esiste una cose che si chiama adm (assistenza domiciliare minori): un educatore/trice passa diverse ore al giorno con il minore, alcune anche in casa con la famiglia, e lo aiuta nelle difficoltà di tutti i giorni ma soprattutto lo aiuta a trovare e costruire gli strumenti per poterle affrontare da solo. Secondo me potrebbe essere un aiuto importante per te e i tuoi professori potrebbero essere coloro che segnalano il tuo bisogno a chi di dovere (o anche la tua allenatrice)...se no vengo direttamente io eh!!!!!
    Nella maggiorparte dei casi i genitori non sono "cattivi" è che non sanno come fare i genitori. Nessuno glielo ha insegnato e spesso loro sono così presi dai loro problemi, dalle loro ansie e dalle loro paure che nemmeno si accorgono di quanto male stanno facendo ai loro figli. O, se se ne accorgono, non sanno cmq che fare.
    E nemmeno tuo fratello è cattivo. Ne sono più che certa. Quando un bambino è così geloso è perchè non si sente sicuro dell'amore dei propri genitori e tu sei stata, nascendo, la minaccia di portarglielo via del tutto quell'amore. Non importa se lo viziano, la sicurezza dell'amore viene da altri atteggiamenti!
    Prova a parlare con lui, scrivigli una lettera se non riesci con le parole. Ha ragione Mari: lui può essere il tuo più grande e importante amico e alleato.

    Hai già dovuto affrontare tanto dolore. Però, piccola mia, ti prometto che un giorno tutto questo dolore diventerà la tua forza. E mentre te lo scrivo non vedo più la tastiera perchè ho gli occhi pieni di lacrime. Perchè non è giusto che una persona, e per giunta una persona piccola, debba sopportare fardelli così pesanti, perchè so cosa vuol dire, perchè è un segno che ti resta denro per sempre. Però piango anche di amore perchè tutto questo buio prima o poi diventerà luce.

    Alla luce delle cose che hai scritto penso sia importantissimo che tu continui a nuotare. La tua allenatrice è un punto di riferimento importante ed importante è tutto il tempo che riesci a passare con lei. Quindi cerca di mangiare abbastanza per avere le forze di non svenire mentre sei in acqua.

    Sei splendida e sei piena di amore da donare e, guarda caso ti chiami Letizia. Penso che tu sia in quella casa per contagiare anche gli altri con il tuo amore, per portar loro calore e luce. Cerca di perdonarli per il male che ti hanno fatto. Il perdono è una cosa molto liberatoria, sai? E cerca di far vedere anche a loro quanto sei speciale, anche se loro non vedono tu non smettere di illuminarli!!!

    A quattordici anni mi è successa una cosa brutta, un uomo mi ha fatto male e dopo quel male io avevo paura di essere incinta. Ho pianto ma di una cosa ero sicura: se dentro di me ci fosse stato un bambino io me lo sarei tenuto perchè sarebbe stato l'unica cosa meravigliosa della mia vita. Perchè dalla violenza può sorgere comunque l'amore, perchè l'amore è più forte di qualsiasi altra cosa.
    Insomma, a quattordici anni ero pronta a diventare mamma ^^ e sai quanti anni avrebbe avuto adesso il mio bambino? Quattordici!! Proprio come te ^^. Quindi un po' mi sento anche io la tua mamma, però forse sarei stata una mamma troppo immatura, quindi magari mi accontento di adottarti come sorellina!!

    Se non riesci a venire al nostro incontro collettivo mi organizzo per venire a trovarti. Promesso.

    Un abbraccio gigante cucciola.

    RispondiElimina
  24. Non avevo letto l'ultimo commento della cara Eny, hai visto? Siamo già in due a venire da te! ^^
    Magari se riusciamo una volta veniamo pure insieme...

    RispondiElimina
  25. Ciao pulcino, proposta accettata!
    Anche se di esperienza non ne ho, ma fortunatamente da bambina sono cresciuta tra coccole e abbracci, me li ricordo come se fosse ieri, e ora li riverso su di te, nella speranza, un giorno, magari neanche troppo lontano, di poterti stringere davvero a me.
    Prima pero' ingrasso un pochino, o non riesco a trasmetterti abbastanza calore!
    Io credo che dovresti dirlo alla tua allenatrice che hai vomitato di nuovo.
    Non aver paura di deluderla.
    Io non sono delusa, proprio perche' ci sono passata e anche se ho smesso da sola di farmi del male ogni giorno, ci ho impiegato parecchio tempo e mi rendo conto di quanto possa essere difficile abbandonare atteggiamenti distruttivi che noi intravvediamo come unica soluzione.
    Ma il silenzio e' la cosa peggiore.
    Devi dire a questa ragazza, che mi sembra davvero in gamba da come ne parli, che hai vomitato e cosa ti ha spinto a farlo.
    Non tenerti tutto dentro, come ho sempre fatto io, sbagliando, e crescendo senza crescere davvero.
    Nel commento di Kiara spero tu abbia trovato tanta speranza di poter uscire dalla tua difficile situazione.
    E poi mica mi rompi le scatole quando passi, anzi, mi riempi di gioia, nonostante la tristezza di quello che mi hai raccontato.
    Io non posto tutti i giorni, ma ti prometto, se ti accontenti dei miei orari strampalati, che una visitina tutti i giorni te la faro' io.
    Perche' la mia bambina non la lascio sola, anche se vedo che tante splendide persone gia' ti fanno compagnia.
    Ciao Letizia, posso chiamarti con il tuo vero nome?
    E' bellissimo, e tutte le donne che conosco e che lo portano sono creature speciali, come sono certa lo sei anche tu, e lo dimostri in ogni cosa che scrivi e racconti.
    Ti abbraccio forte forte
    Mamma virtuale Dony

    RispondiElimina
  26. Ciao Piccolina.
    Mi ha fatto davvero davvero piacere ricevere il tuo commento, e anche il fatto che tu possa capirmi.
    Sei davvero molto dolce Piccola. Continua a lottare per la tua vita e per superare il dolore.
    Mihai dato un consiglio molto prezioso, e mi sono commossa a vedere come riuscivi a parlare del tuo amico, come sei riuscita a farlo vivere dentro di te.
    Spero di riuscirci anche io, un giorno.
    Ti voglio bene Piccola.
    V.
    ps: ti dispiace se ti mando un'email? Ti vorrei davvero conoscere meglio, sei una persona stupenda.
    Ti abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  27. Ah dimenticavo!
    Se mai avessi qualcosa da raccontarmi che non vuoi dire qui sul blog, la mia email e': moch.moch@virgilio.it.
    Intanto ne approfitto per abbracciarti di nuovo!!!

    RispondiElimina
  28. Ecco mi avete fatto piangere! Di gioia ovviamente, non ho mai avuto qualcuno che mi volesse così bene, inizio a rispondervi uno alla volta sennò faccio un gran casino come al solito...
    Enigma, ti avevo avvertito che era una proposta assurda...anche perchè io non potrei stare nemmeno con voi un pò per le gare, un pò perchè la mia allenatrice e le mie compagne mi controllano e se venissero a sapere di tutte voi non credo la prenderebbero bene...
    Kiara, sorella maggiore, è dura da spiegare...la mia allenatrice mi ha già spiegato che dovrei chiamare qualcuno o qualcosa del genere ma non lo farò mai, la situazione peggiorerebbe solo, i miei genitori non è che non sanno come fare con me ma la cosa è molto più semplice, non mi vogliono e basta, me lo hanno detto e ripetuto infinite volte,in quanto a mio fratello non credo sia come dici tu, se lo conoscessi lo capiresti...io per lui ci sono sempre stata, io nonostante lui sia di 2 anni più grande faccio i suoi compiti di scuola se a lui non va, mi faccio in 4 per lui, e lo stesso per i miei " genitori" ma ora sono stufa di lottare, non ce la faccio più...sarei contentissima se veniste...=)=)
    Mammina, alla mia allenatrice glielo ho detto ma credo che lei un pò delusa ci sia rimasta, non me lo ha detto ma i suoi occhi parlavano chiaro, anche le mie compagne di squadra non l'hanno presa bene...spero tanto che ne uscirò, ma il dolore è forte, molto forte, mi date speranza, ma sinceramente non so se tutto si aggiusterà...ti mando anche io un abbraccio ti voglio un mondo di bene a te e a tutte le altre...=)

    Young girl, ti do un altro consiglio, io ho una passione per lo scrivere ( infatti in un ipotetica teoria starei scrivendo una sottospecie di "libro") prova a scrivere queste cose, vedi, a me aiuta...

    Casomai in un post vi faccio leggere un pezzo del libro...basta che non vomitate...

    Un abbraccio a tutte tutte e tanti tanti bacini..=)=)

    RispondiElimina
  29. Leti, il fatto che le tue compagne di squadra e l'allenatrice ci siano rimaste male significa che a te ci tengono moltissimo, o si sarebbero mostrate indifferenti a tutto.
    Anche se non potranno mai sostituire l'affetto che i tuoi genitori non sanno dimostrarti, mi sembrano un buon surrogato.
    Io pero' non accetto di sentirti dire che sei stufa di lottare.
    Faccio la mamma fino in fondo, e oltre alle coccole ti sgrido anche un pochino perche' tu non meriti questa sofferenza, ma se non fai qualcosa anche tu per poter essere felice, non lo sarai mai.
    Non arrenderti perche' tanto " loro non ti vogliono e basta ".
    Se non sono capaci di amarti che qualcuno glielo insegni, pero' tu devi gridare aiuto con tutte le tue forze, e non darti mai per vinta.
    Loro sono in debito con te da tutta la vita, e' giusto che ti ridiano tutto l'amore che ti spetta di diritto.
    Senti un po', ma in un'ipotetica teoria quella sottospecie di libro che stai scrivendo ce lo farai leggere un giorno o l'altro, anche solo qualche pezzettino?
    Oppure contiene solo i tuoi segreti che non svelerai mai a nessuno?
    Sto morendo dalla curiosita'.
    Comunque hai i miei cromosomi, bimba mia, anche alla tua mammina piace scrivere.
    Ti voglio bene
    Dony

    RispondiElimina
  30. Vedi, sei una madre perfetta, ho un pò paura di farvelo leggere...non contiene i miei segreti, contiene praticamente me, è la prima cosa che scrivo da quando "lui" se ne è andato, è una storia lunga...xò ok, ora lo metto, posto il primo capitolo...ma non illudetevi...=)
    Mamy, è tutta la vita che lotto, ma sono davvero stanca, ogni volta che provo a fare qualcosa mi faccio solamente male, io a loro voglio bene ma non sono corrisposta, gridare aiuto...non ho abbastanza voce per farlo...=(

    RispondiElimina